Visual storytelling

DISMESSE LE MASCHERE

“E se il lettore ha la possibilità di visitare l’universo che la poetessa ha abitato, se può annusare le fragranze di cui è impregnato, distendersi nei prati silenziosi da cui è circondato chinandosi sui fiori e seguendo il volo dei pettirossi, aspettare paziente il ritorno delle api, inebriarsi d’aria, stordirsi di rugiada, se può quindi accedere a questa soglia cosciente e consapevole è perchè la Dickinson ha dedicato l’intera sua esistenza, ogni sua ragione di vita alla poesia. Isolata dal clamore del quotidiano, dismesse le maschere che si è usi indossare per solo sfilare nella parata, ella ha vissuto la sofferenza e le grida, lo stupore, la bellezza, gli ombrosi mormorii che soggiacciono all’animo dell’uomo, alle cose del mondo, ha vissuto per noi l’ebbrezza e l’estasi dell’attimo fattosi cristallo.

Varcare la soglia della poesia di Emily Dickinson, per usare le sue stesse parole, ‘è gustare un liquore mai prima distillato da boccali scavati nella perla’

CRISTIANA ROCCO (tratto da ‘Angeli’, Emily Dickinson)

iPhone 6 Plus | Albano Laziale | Castelli Romani | Roma | Lazio |



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *